home | chi sono |contatti | scegli lingua 
 
Divorzio a Cuba
Trascrizione sentenza cubana in italia
Contatti
Matrimonio Riconoscimento figlio naturale Link utili
Migrazione Documenti Immigrazione

MIGRAZIONE


Riassunto domande e risposte degli organi ufficiali pubblicate nel giornale “Juventud Rebelde” sull' applicazione delle riforme della legge migratoria cubana con entrata in vigore il 14 gennaio 2013. NON si offrono consulenze su questa materia. Per i casi specifici rivolgersi al corrispondente Consolato cubano in Italia. La legislazione (Gazzetta Ufficiale) si trova nella pagina “Link utili” di questo sito.
Risposte della Direzione d' Immigrazione

Che tipo di passaporto sarà rilasciato ai cittadini cubani per viaggiare all'estero per motivi personali? Il Decreto 302 del 11 ottobre 2012 nell' articolo 9.1 stabilisce che si rilascerà Passaporto corrente ai cittadini cubani residenti nei territorio nazionale che richiederanno viaggiare all'estero per motivi personali, agli autorizzati a risiedere all'estero e agli emigrati.

Come si ottiene il passaporto corrente? L'articolo 21 del Decreto 305 stabilisce come requisito per la richiesta dei passaporti correnti la presentazione della Carta d'Identità.

I minori potranno viaggiare all'estero? Quali requisiti dovranno avere? I minori d'età potranno viaggiare all'estero previo compimento delle formalità stabilite nell' articolo 21, inc. a e b del Decreto 305 che esigono la presentazione della Carta di minore e l'autorizzazione formalizzata davanti Notaio Pubblico dei genitori o rappresentanti legali che corrisponda , per i minori di 18 anni d'età. I minori d'età a cui sia revocata l'autorizzazione dei genitori o rappresentanti legali formalizzata davanti Notaio pubblico, secondo quanto stabilito nell' articolo 25 inc. g del Decreto Legge 302, non potranno uscire del paese.

Quali sono i principali benefici che portano queste modifiche per quelli che desiderano viaggiare al estero o risiedere permanentemente fuori di Cuba? Si è presa la decisione di eliminare il Permesso di uscita per i cittadini cubani residenti nel paese, secondo il Decreto Legge 302. In virtù di questo e nell'esercizio delle sue facoltà il Ministero di Relazioni Esteri decide anche di eliminare il requisito di formalizzare mediante documento notarile l'invito a favore dei cittadini cubani residenti in territorio cubano, da parte dei familiari o amici residenti all'estero, per viaggiare per motivi personali. Il Decreto n. 305 di 11 ottobre 2012 modificativo del Decreto n.26 “Regolamento della Legge di Migrazione” di 19 luglio 1978, stabilisci nel inc. a) dell'articolo 40, che i titolari del Passaporto Corrente possono: _Richiedere di estendere la permanenza all'estero per un tempo superiore a 24 mesi, quando per causa giustificata, si vedano impossibilitati di ritornare al paese in questo termine. _ Richiedere Residenza all'Estero, quando sia necessario risiedere fuori del paese a tempo indeterminato per mantenere una unione matrimoniale, formalizzata o meno, con cittadini stranieri o per altre situazioni familiari e umanitarie eccezionali. La Residenza all'estero anche si può concedere ai genitori e ai figli minori d' età di chi possiede questa categoria di viaggio.

Quali sono i principali benefici che portano queste modifiche per gli emigrati e residenti all'estero che visitino il paese? Fra altri benefici dell'aggiornamento della politica migratoria, il Decreto n. 305 di 11 di ottobre 2012, nell'articolo 47. 1 stabilisce che i cittadini cubani emigrati possono soggiornare fino 90 giorni nelle loro visite a Cuba. 2. I cittadini cubani con residenza all'estero possono soggiornare fino 180 giorni nelle loro visite a Cuba. 3. In entrambi i casi le autorità migratorie possono prorogare il termine.

Risposte del Ministero del Lavoro e Sicurezza Sociale

Come è previsto il rapporto lavorativo dei lavoratori che decidano soggiornare un periodo fuori del paese? La Risoluzione n. 43 di 13 ottobre 2013, del Ministero del Lavoro e Sicurezza Sociale in rapporto con il Decreto n. 306 di 2012, stabilisce le regole applicabili ai lavoratori che richiedano di viaggiare all'estero per motivi personali. Fra le disposizioni stabilisce che al lavoratore autorizzato per l'autorità corrispondente, gli vengono concesse le ferie accumulate ed eccezionalmente possono essere concessi giorni di congedo non retribuito, la cui durata non può eccedere di due mesi di seguito nel periodo di un anno naturale. Durante il periodo di congedo non retribuito viene sospeso il vincolo lavorativo con l'entità, vengono interrotti gli effetti della nomina o contratto di lavoro, secondo il caso, così come il pagamento degli stipendi, sussidi, prestazioni a corto periodo della sicurezza sociale e altri diritti lavorali. Al suo ritorno si riallaccia il rapporto lavorativo e il lavoratore ha diritto a riprendere la posizione che occupa. Una volta esaurito il termine delle ferie annue retribuite e del congedo non retribuito, senza che il lavoratore sia tornato al suo lavoro, l'amministrazione mette termine al rapporto di lavoro.

Che garanzie sono stipulate nelle modifiche per i pensionati che soggiornino temporalmente all'estero? E' una nuova misura? Non è una misura nuova quella che i pensionati che si recano temporalmente all'estero hanno il diritto a riscuotere la pensione al loro ritorno a Cuba o durante il loro soggiorno all'estero tramite un incaricato a tale fine. Un altro cambiamento è che il pensionato autorizzato a risiedere all'estero, quando si trova a Cuba può fare effettivo il pagamento della sua pensione e qualsiasi altra procedura relazionata con la sicurezza sociale, mediante la presentazione del suo passaporto.Quando si riceva informazione che il pensionato è emigrato , si rilascia risoluzione dichiarando estinto il diritto alla pensione.

Risposte del ministero di Giustizia

Ora che sono state modificate la nazionalizzazione mediante confisca dei beni, diritti e azioni dei cubani che si assentino definitivamente del territorio nazionale, quelli che emigrino, potranno conservare le sue proprietà nell'isola alla luce di queste modifiche? Il Decreto- Legge n. 302 nella sua Disposizione Finale Quarta, deroga la Legge n.989 di 5 dicembre 1961, che disponeva la nazionalizzazione mediante confisca a favore dello Stato cubano, dei beni, diritti e azioni delle persone che si assentavano con carattere definitivo del paese. In tal senso, il trattamento dei beni e diritti delle persone che emigrano del territorio nazionale, resta regolato nella legislazione speciale di ogni materia, in corrispondenza con la natura degli stessi. Ad esempio, nel Decreto legge n. 288 di 28 ottobre 2011 e nel Decreto n.292 del 20 settembre 2011, sulla trasmissione d'immobili e veicoli rispettivamente, stabilissi il diritto delle persone titolari di questi beni a trasmettere liberamente gli stessi, prima d'emigrare con carattere definitivo dal paese, oppure da non averlo fatto, i suoi familiari avranno il diritto a richiedere la proprietà su questi beni.


copyright Tamara F. Vidan Estrada  consulente legale cubano  PI.03144960832.email:info@consulentecubano.it CELL. 333 1197896 Lunedì, Mercoledì e Venerdì dalle 9.30 alle 12.30